Ispra (VA), Area 41 e scorie nucleari
CONTENUTI IN EVIDENZA
17 Dicembre 2017
  • Current
   SICUREZZA E DEGRADO    
   ELECTION DAY    
   DOMANI VENERDì 15, CONVEGNO...    
   TRATTA ALESSANDRIA- MORTARA-...    
Vai alla sezione Video >> Vai alla sezione News >>

Home >> Sezione news >> News
Ispra (VA), Area 41 e scorie nucleari
Emanuele Monti: “Vogliamo capire meglio la ‘temporaneità’ della permanenza delle scorie”
“Apprezziamo la velocità con cui Jrc ha risposto ad alcuni degli interrogativi sollevati dalla mia interrogazione circa il sito di Ispra in Provincia di Varese, ma restiamo in attesa di dati maggiormente puntuali.” Lo dichiara Emanuele Monti, consigliere regionale della Lega Nord e firmatario di un’interrogazione in Regione Lombardia circa lo smaltimento di scorie radioattive nel nuovo sito di stoccaggio dell’Area 41.
“È certamente una segnale positivo – spiega Emanuele Monti – l’avere avuto conferma sul fatto che i rifiuti radioattivi in questione saranno unicamente quelli prodotti in loco e che quindi il nuovo sito di smaltimento temporaneo non tratterà scorie provenienti da altre parti d’Italia o d’Europa. Detto questo vorremmo comunque avere informazioni più specifiche sulle esatte quantità di questo materiale radioattivo. Se infatti è stato necessario realizzare una nuova struttura viene da sé ipotizzare un aumento della produzione rispetto al passato.”
“Il secondo punto su cui vorremmo avere una visione maggiormente chiara concerne la questione della ‘temporaneità’, sottolineata dai responsabili del sito. Questo perché anche i primi depositi dovevano essere temporanei ma, se è sorta l’esigenza di costruirne uno nuovo di dimensioni tanto importanti da essere il secondo d’Europa, sorge il sospetto che tanto temporanei non siano. Cerchiamo quindi di chiarire bene cosa si intende, quantificando con precisione il lasso di tempo interessato. A questo proposito il Comune di Ispra, e in misura minore anche i comuni limitrofi, ricevono risorse a titolo di compensazione ambientale da parte dello Stato italiano. Date le mutate circostanze quindi, non sarebbe il caso di rivedere questa cifra al rialzo? Ed Euratom, e quindi la Commissione europea che voglio ricordare essere responsabile dell’Area 41, che impegno economico mette in campo? Sono quesiti che ritengo meritino una risposta celere, che riguardano direttamente il territorio e le preoccupazioni sollevate da più fronti e da diversi attori, istituzionali e non.”
“Restiamo quindi in attesa di tutte le informazioni possibili, in modo da poter rendere consapevole chi il territorio lo abita o ci lavora. Data l’importanza della questione – conclude Emanuele Monti – la trasparenza totale in questi casi è fondamentale.”

Consigliere: Monti Emanuele    
Rassegna Stampa
Leggi la rassegna per rimanere informato
per essere sempre informato >>
Area Trasparenza
Visualizza qui le spese del gruppo
visualizza il conto >>
Newsletter
 
Seleziona la tua provincia e inserisci la tua mail per ricevere la nostra newsletter.
Consiglieri Regionali
Informati sull’attività dei nostri consiglieri
 
  Mappa del sito  
Home page Video e Multimedia Rassegna Stampa Twitter www.radiopadania.org
News e Comunicati Consigleri Regionali Bandi e Concorsi www.leganord.org www.consiglio.regione.lombardia.it
Area Trasparenza Newsletter Facebook www.legalombarda.leganord.org www.regione.lombardia.it
Copyright © 2014 Gruppo Regionale Lega Nord Padania | Note Legali | Progetto realizzato da Mediadream Labs