San Donato Milanese, spaccio
CONTENUTI IN EVIDENZA
13 Novembre 2019
  • Current
    A MARGINE DEL PRIMO DOPO GIUNTA, IL...    
    INTERVISTA ALL’ASSESSORE...    
   BONIFICHE NEL RHODENSE E NEL...    
   CITTIGLIO, SABATO MATTINA...    
Vai alla sezione Video >> Vai alla sezione News >>

Home >> Sezione news >> News
San Donato Milanese, spaccio
Max Bastoni (Lega): “Il Prefetto sposta pusher e tossicodipendenti da Rogoredo a San Donato e San Giuliano, i cittadini ringraziano.”
“Ci attendiamo efficaci strategie di contrasto dello spaccio, non operazioni di facciata che spostano il problema.” Così Max Bastoni, consigliere regionale della Lega, commenta insieme a Cristiano Vailati, segretario Lega Circoscrizione Est, la quotidiana processione di tossicodipendenti che percorrono il tracciato ferroviario alle spalle del Quartiere Affari per raggiungere gli spacciatori che li attendono nel sud dell’hinterland di Milano. “Cresce la preoccupazione di cittadini e pendolari che si sono ritrovati San Donato invasa da un esercito di disperati, una situazione che si è progressivamente estesa fino alla stazione di Borgolombardo coinvolgendo via Di Vittorio e Cascina Sesto Gallo a San Giuliano Milanese.” Sabato scorso numerosi cittadini di San Donato Milanese si sono ritrovati in un presidio spontaneo di protesta mentre le pagine Facebook degli abitanti dei due Comuni sono caratterizzate da numerose segnalazioni di siringhe abbandonate in aree anche frequentate da bambini. Bastoni e Vailati spiegano come “si abbia la forte percezione che le strategie messe in campo dalla Prefettura non siano affatto in grado di eliminare la piaga dello spaccio che ha provocato nel solo 2018 in Lombardia un incremento del 128% di morti rispetto all’anno precedente”. Secondo i dati riferiti dalla Direzione Servizi Antidroga del Viminale, nel 2019 in Lombardia sono state denunciate 5020 persone, di cui 3020 stranieri, mentre l’area del Milanese ha registrato addirittura il 53% del totale dei soggetti segnalati, “Un record di cui faremmo volentieri a meno.” Bastoni e Vailati concludono ricordando che senza una strategia a livello regionale e un impegno da parte della Magistratura in senso restrittivo la situazione è destinata a rimanere identica a quella odierna. “Si rende necessario potenziare il numero di uscite di operatori di strada in zone con maggiore presenza di tossicodipendenti, aumentare le azioni finalizzate a creare un aggancio di persone non conosciute dai servizi pubblici per facilitare l’invio ai Servizi per Tossicodipendenti, potenziare i servizi volti alla riduzione dei rischi sanitari per ridurre al minimo il numero di siringhe sporche in giro e facilitare la distribuzione di narcan per ridurre le overdose e materiali per attività di informazione sui rischi delle droghe. Ma la repressione dello spaccio non può limitarsi a spostare il problema, semmai a chiuderlo in un cul del sac e spegnerlo”.

Consigliere: Bastoni Massimiliano    
Rassegna Stampa
Leggi la rassegna per rimanere informato
per essere sempre informato >>
Area Trasparenza
Visualizza qui le spese del gruppo
visualizza il conto >>
Newsletter
 
Seleziona la tua provincia e inserisci la tua mail per ricevere la nostra newsletter.
Consiglieri Regionali
Informati sull’attività dei nostri consiglieri
 
  Mappa del sito  
Home page Video e Multimedia Rassegna Stampa Twitter www.radiopadania.org
News e Comunicati Consigleri Regionali Bandi e Concorsi www.leganord.org www.consiglio.regione.lombardia.it
Area Trasparenza Newsletter Facebook www.legalombarda.leganord.org www.regione.lombardia.it
Copyright © 2014 Gruppo Regionale Lega Nord Padania | Note Legali | Progetto realizzato da Mediadream Labs